OPERE CASO E CAOS

CASO E CAOS


Caso e caos sono uno l'anagramma dell'altro, ma contrariamente al caso, il caos può essere riordinato, ingabbiato, lo si può decifrare...
Una macchia è  originata dal caso, da un evento fortuito, è una irruzione involontaria e la apprezziamo quando ci suggerisce uno stimolo per l'immaginazione .
Lo stimolo visivo, per quanto informe sia , presenta  indizi, tracce di strutturazioni percettive possibili.
La goccia  buttata casualmente , le chiazze di colore che si fondono scatenando una serie di effetti imprevisti, caotici, metafora della vita di ognuno di noi dove niente è prevedibile e dove anche un piccolo evento causa infinite varianti, ma comunque porta ad un'evoluzione.
Così come nella vita, la libertà di scelta è secondaria solo alla casualità degli eventi, ma ci permette di vagliare le possibilità e di agire , di mettere ordine.
Di solito si tende a connotare il caos  come qualche cosa di negativo perchè una situazione caotica non è mai piacevole questo è il punto di vista , il giudizio della coscienza che ha bisogno di schemi di pensiero consueti, ma il caos contiene in se potenzialità trasformative ed evolutive .
Per questo creo il caos, per poterlo riordinare con tratti neri, a volte decisi a volte meno...per operare una mia scelta creando situazioni nuove, diverse da come il caso le aveva volute.


Queste opere fortemente cromatiche ci rimandano  anche al significato simbolico dei colori:
 il colore nero è il primo colore cosmogonico e rappresenta le acque primordiali, cioè lo stato confuso della materia mescolata che viene chiamato  appunto Caos: origine di ogni forma.
 Il bianco è il colore simbolo della luce, grazie alla sua comparsa nella visione cosmogonica, si operò la trasformazione del caos in cosmo.Fu così che luce e bianco, vennero assunti nelle concezioni religiose arcaiche, come il colore della nascita di ogni ciclo vitale.
Il blu -azzurro è l'immagine degli abissi, delle acque, il verde è il colore del mare inteso come liquido gestatore  ed da cui si sviluppò ogni forma di esistenza vegetale anche gli Egiziani chiamavano il mare “ Il Grande Verde”. Il rosso è il colore della vita , della vigoria e della forza, mentre il giallo- oro  è il simbolo dello splendore solare.




"GABBIA D' ACQUA"
100x100  Tecnica mista  anno 2012




"MIGRAZIONE"





"CARTOON MAP"
80x80 Tecnica mista  anno 2009




"INGLOBATO"
120x120 tecnica mista  anno 2012














"SENZA TITOLO"
100x100 Tecnica mista anno 2009







"ROCK URBANO"
Tecnica mista anno 2010







"EVANESCENTE"
Tecnica mista anno 2012





"MINI CARTOON MAP"
tecnica mista anno 2010








"SCARABOCCHIO"
80x80 Tecnica mista anno 2013




"CI SONO ANCH'IO"
120x120 Tecnica mista anno 2013



"CADUTA LIBERA"
120x120 Tecnica mista anno 2013












Nessun commento:

Posta un commento